Title Image

Cucina: Cosa fare e cosa non fare.

NEWS

Cucina: Cosa fare e cosa non fare.

Il fulcro della casa deve rispecchiare il gusto di chi la vive, ecco 5 sì e 5 no da tenere presenti nella progettazione di una nuova cucina.

 

Il ruolo della cucina va ben oltre la tradizionale e centrale funzione di spazio adibito alla conservazione, alla preparazione ed alla cottura dei cibi. In molte abitazione è il locale in cui svolgiamo buona parte delle nostre attività quotidiane e può fungere da sala da pranzo, zona attrezzata per il lavoro, stanza dei giochi, luogo in cui intrattenere ospiti e conversare, diventando così il centro nevralgico della casa.

Ecco perché occorre analizzare i diversi elementi strutturali, tecnologici e formali, per creare uno spazio che risponda pienamente alle esigenze di chi lo abita. Da un punto di vista progettuale, dunque, la cucina è il locale più complesso dello spazio domestico e per non commettere errori condividiamo con voi una breve lista di consigli e vi aspettiamo per seguirli insieme!

5 Sì

 

1. Parlare. Il progettista e l’interior designer devono poter sempre dialogare con chi vivrà maggiormente questo ambiente, per capire che uso ne farà e quali sono i suoi gusti e le sue esigenze.

2. Stabilire un budget. Può essere piccolo o grande, rigido o flessibile, ma grazie a questo riuscirete a razionalizzare le spese e risparmiare dove possibile con investimenti oculati sin dalla fase progettuale.

3. Lasciarsi ispirare. Che sia una palette di colori, uno stile particolare, un materiale, un rivestimento…esprimete sempre il vostro gusto perché è in base al quello che moduleremo tutti gli elementi della cucina.

4. Porre dei punti fermi. Se ad esempio desiderate assolutamente un certo brand di elettrodomestici o non potete fare a meno di un ampio piano di lavoro, dovremo tenerne conto.

5. Essere pratici. La cucina è sicuramente una delle stanze più vissute di una casa, per questo dovremo crearla in modo da renderne semplice e agevole l’uso. Cosa vi piace cucinare più spesso? Quanti siete in casa? Ci sono (o ci saranno) bambini? Invitate spesso amici a cena? Rispondendo a domande come queste ci potremo fare insieme un’idea di come sarà la vostra nuova cucina.

5 No

 

1. Essere banali. Avete deciso per un modello “standard”. Volete una cucina esattamente come quella della rivista (o come quella della vostra amica/mamma/zia). Ma siete sicuri di voler davvero rinunciare allo stile e alla personalità? Coraggio, sappiamo che non è così…

2. Il brand a tutti i costi. Incaponirsi con una marca specifica o un dato modello di frigorifero può rivelarsi davvero controproducente quando si progetta una cucina. Sia per l’estetica che per il portafoglio! Esprimete i vostri desideri e gusti e mettetevi nelle nostre mani di esperti, sapremo certamente guidarvi nell’esplorazione di nuovi mondi e nomi dell’arredamento.

3. Risparmiare sulla qualità. Significa in realtà spendere due volte! Ora e tra 4/5 anni quando dovrete cominciare a riparare quel mobile che non si chiude bene o quell’elettrodomestico che è passato miglior vita.

4. Non prendere le misure. Non esistono cucine troppo grandi o troppo piccole, solo cucine bene o mal distribuite. Ad esempio: conoscete la regola del triangolo d’oro degli elettrodomestici? Noi si! 😉  Ogni elemento, anche il più piccolo, che decidete di inserire nella vostra cucina avrà un ruolo e occuperà uno spazio insieme ad altri arredi. Per evitare l’accumulo o i vuoti immotivati è necessario progettare sempre prima di decidere.

5. Buttare via. Avete un tavolo antico di valore o una madia della nonna a cui non volete rinunciare? Non c’è motivo di eliminarli, riusciremo ad integrarli perfettamente nel progetto della vostra nuova cucina dove vecchio e nuovo possono benissimo andare a braccetto con un risultato straordinario, per voi e per l’ambiente, che ringrazia.